emilio mattioli


Vai ai contenuti

Fausto Gozzi

Testo critico di Fausto Gozzi

Uno scritto che voglia testimoniare dell'ormai ventennale percorso artistico di Emilio Mattioli, potrebbe incominciare anche dalla descrizione fisica del pittore; questa assimilazione di aspetti esteriori non può essere considerata un espediente, anche perchè tante volte questo parallelismo più o meno stretto è stato riscontrato.
Si tratta di un insieme di analogie assolutamente inspiegabili ed anche misteriose che intercorrono fra la pittura e la figura dell'artista, il suo modo di muoversi, di gestire le amicizie, di offrirsi al punto; così la sua presenza fra le tele ed i colori è strettamente correlata alla sua figura e con essa agli oggetti che dipinge.
Uno scritto che voglia testimoniare dell'ormai ventennale percorso artistico di Emilio Mattioli, potrebbe incominciare anche dalla descrizione fisica del pittore; questa assimilazione di aspetti esteriori non può essere considerata un espediente, anche perchè tante volte questo parallelismo più o meno stretto è stato riscontrato.
Si tratta di un insieme di analogie assolutamente inspiegabili ed anche misteriose che intercorrono fra la pittura e la figura dell'artista, il suo modo di muoversi, di gestire le amicizie, di offrirsi al punto; così la sua presenza fra le tele ed i colori è strettamente correlata alla sua figura e con essa agli oggetti che dipinge.
Taciturno, alto e magro, uno sguardo ironico ed i capelli tagliati come i lineamenti del viso, squadrato, spazioso e notevolmente espressivo.Nella sua casa è anche possibile vedere gli oggetti che diventano i soggetti delle sue opere; è opportuno rilevare che si sono fra i più insignificanti eppure Mattioli li osserva con quella concentrazione che può assomigliare più ad un distacco al fine di captarne, oltre all'apparenza più consueta e banale, quello che non si vede ma c'è o ci dovrebbe essere oltre la forma ultima delle cose, cioè l'essenza, la sostanza di un qualcosa di inesprimibile che c'è nella forma e deve essere espresso grazie alle sole proprie capacità ed al proprio lavoro.
Non è facile vedere il pittore al lavoro, neppure per gli amici più stratti che frequentano il suo studio in Via Donati a Cento; io forse posso considerarmi un privilegiato dato che sono qui a testi moniare attraverso quale lentezza vviene la maturazione di una sua opera, elaborata per settimane poi ripresa a distanza anche di mesi quando poteva finire già finita, attraverso disegni e numerose prove di colore.
Questa sua lentezza non dipende dal fatto che il pittore può anche avere dei pentimenti più o meno frequenti, egli difficilmente modifica l'impianto originario dell'opera, anche perchè ogni millimetro di superficie dipinta viene risolto con cura a punta di pennello, attraverso una padronanza quasi assoluta della tecnica espressiva; pertanto la sua lentezza dipende più dall'operazione intellettuale che deve compiere l'occhio rivolto al concetto dell'oggetto da dipingere, oltre la sua pura apparenza a favore di una poetica dell'assenza, concedendo, con ciò, più peso ai rimandi e ai richiami evocativi che non all'oggetto dipinto fine a sé stesso.Ogni variazione chiaroscurale così ottenuta non corrisponde solo a una semplice correlazione naturalistica, ma a una specie di termometro di questo suo personale concetto di naturalismo metafisico; ci troviamo quindi di fronte a d un pittore che tende a farci riflettere sull'apparenza delle cose, sulla verosimiglianza più o meno presunta di una riproduzione pittorica rispetto al proprio modello e che soprattutto cerca di risvegliare in noi quella rete di connessioni intellettuali che arricchiascono aprendoci nuovi orizzonti sulla lettura delle cose, spalancando quello spirito creativo tanto necessario a ciuscuno di noi.(...)


Torna ai contenuti | Torna al menu